03 LUGLIO 2018

Posted by
  • SCIENZA E MEDICINA — Cellule staminali umane hanno riparato il cuore colpito da infarto nelle scimmie: l’esperimento è stato condotto nei laboratori dell’Università di Washington, trapiantando cellule del muscolo cardiaco derivate da staminali embrionali umane. A distanza di un mese, il trattamento ha portato alla formazione di nuovo muscolo cardiaco e ha permesso al cuore di riprendere a pompare il sangue con più vigore. I risultati, pubblicati sulla rivista Nature Biotechnology, aprono alla possibilità futura di estendere questa terapia innovativa anche all’uomo.
  • RAGAZZINI THAILANDESI IN GROTTA NEWS — L’evacuazione dei 13 thailandesi trovati vivi nella grotta Tham Luang “deve avvenire prima che l’acqua si alzi di nuovo”, e nuove piogge intense sono previste da domani. Lo ha dichiarato a Bangkok il ministro dell’interno Anupong Paochinda, mentre i 12 ragazzini e il loro allenatore sono stati riforniti con cibo ricco di elementi nutritivi e bevande ricostituenti. Secondo Anupong, le squadre di soccorso stanno cercando di drenare più acqua possibile da alcune caverne allagate, per minimizzare il bisogno di immergersi per ragazzi che non sanno neanche nuotare e sono per di più debilitati dall’estenuante attesa senza contatti con il mondo esterno.
  • ASTEROIDI — Secondo l’esperto Myhrvold il Large Synoptic Survey Telescope, un telescopio di terra in Cile, potrebbe rintracciare la stessa quantità e lo stesso tipo di asteroidi che la futura missione NEOCam si propone di trovare su mandato del congresso Usa. Per i revisori scientifici dello studio, le critiche potrebbero essere utili per mettere a punto tecniche di misurazione più precise, a beneficio della sicurezza dell’umanità. Sollecitati dal dibattito, diversi scienziati tornano ad analizzare quei dati, mentre la NASA deve ancora rispondere nel dettaglio alle critiche.
  • ASTRONOMIA — E’ un cielo spumeggiante, quello del luglio 2018, ricco di eventi spettacolari e memorabili che si sono dati appuntamento per il 27: quella sera, osserva l’Unione Astrofili Italiani (Uai), la Luna sarà colorata di rosso dall’eclissi più lunga del secolo, mentre Marte si potrà osservare al meglio, più luminoso più che mai e vicino alla Luna. Nel frattempo, però, il cielo regala altri spettacoli perché tutti e 5 i pianeti noti fin dai tempi più antichi sono visibili a occhio nudo. Perfino il più sfuggente e difficile da osservare, Mercurio, si può osservare all’inizio del mese. Venere, Giove e Saturno sono ancora facilmente osservabili, anche se la progressiva anticipazione dell’orario del tramonto riduce il tempi in cui sono osservabili.