Ore di speranza all’Hotel Rigopiano

Posted by

Sotto la grande montagna sono ore di lavoro disperato, di lavoro che non si arrende alla disperazione. Un ultimo muro da abbattere, prima di alzare bandiera bianca e affidarsi solo ai miracoli: e’ dietro quel pezzo di cemento che si annidano buona parte delle speranze dei soccorritori, che da giorni si alternano su quel che resta dell’hotel Rigopiano cercando disperatamente qualcuno ancora in vita sotto il grumo di neve e macerie.  Ma ogni ora, ogni minuto che passa, non fa altro che ricacciare sempre piu’ giu’ quella speranza. L’ultimo bilancio è quello della Preferttura di Pescara: 14 morti e 15 dispersi. I vigili del fuoco nelle ultime ore hanno recuperato altri corpi, 3 di sesso maschile non ancora identificati e due donne, [GARD align=”center”]Un muro di 80 centimetri  Il muro e’ quello che separa la cucina dal bar, un muro portante spesso 80 centimetri nel quale i vigili del fuoco stanno cercando di aprire un varco: dopo aver controllato tutta la zona dove prima della valanga c’era la hall, finito di ispezionare il centro benessere la ‘zona ricreativa’ dove – in due ambienti diversi – sono stati salvati prima Adriana Parete e suo figlio Gianfilippo e poi i tre piccoli Edoardo, Ludovica e Samuel, accertato che quella che erano le stanze prima delle cucine sono ridotte ad un cumulo di detriti, non restano che quei due locali: la cucina e, soprattutto, il bar.    “Dobbiamo entrare li’ dentro, e’ l’unica zona del corpo centrale dell’hotel, quella dove presumibilmente era la maggior parte delle persone, dove ancora non siamo arrivati. Speriamo che sia integro” dice chi scende dalla montagna. Certo, restano da ispezionare anche le camere, ma la maggior parte sono state travolte dalla violenza della valanga e dunque, se qualcuno era li’ dentro, trovarlo ancora in vita e’ impresa a cui non credono neanche questi uomini che lavorano senza sosta da cinque giorni. Le immagini d’altronde sono implacabili: il tetto ha schiacciato i piani uno sull’altro e dove c’erano le stanze e’ rimasto soltanto un cumulo di macerie e pezzi di pilastri sventrati.    Il bar, dunque. Se li’ dentro e’ rimasta una sacca d’ossigeno, la possibilita’ che ci sia qualcuno in vita teoricamente c’e’. E’ un filo sottilissimo, ma e’ ancora integro. Lo ripetono gli esperti e lo dicono i soccorritori, che per questo stanno facendo di tutto per accelerare le operazioni di ricerca nonostante continui a nevicare e la nebbia impedisca agli elicotteri di volare. Nell’area dell’hotel lavorano decine di uomini del soccorso alpino e della Guardia di Finanza, che continuano a scandagliare i metri di neve che ancora sovrastano il Rigopiano, mentre 70 vigili del fuoco, dei 150 che a rotazione operano in zona rossa, sono impegnati 24 ore al giorno nelle ricerche all’interno della struttura. Nel corso della giornata si e’ inoltre riusciti a liberare l’ultimo pezzo di strada fino all’hotel e dunque gia’ da stamattina si sta operando con i mezzi pesanti. “Dobbiamo rimuovere gli strati di neve sopra la struttura – ha spiegato il viceministro dell’Interno Filippo Bubbico – ma si continua a lavorare in condizioni complicate e pericolose”.  [GARD align=”center”] Intanto, con le ricerche dei vivi ancora in corso, iniziano le cerimonie in ricordo dei morti. Una maglia dell’Inter sulla bara del maitre dell’hotel, Alessandro Giancaterino e i ragazzi della Croce Rossa per Gabriele D’Angelo: decine di persone hanno fatto un passaggio alla camera ardente allestita a Farindola e Penne per i due dipendenti dell’albergo. E oggi ci saranno i funerali. Chi e’ sopravvissuto, invece, torna a casa: dall’ospedale di Pescara sono stati dimessi sia la famiglia Parete – l’unica che, comunque vada, da quest’immensa tragedia e’ sopravvissuta davvero –  e i due fidanzati di Giulianova Vincenzo Forti e Giorgia Galassi. Edoardo e Samuel, i due bimbi uniti dallo stesso infame destino, restano ancora li’. Ma non sono malati ne’ hanno ferite, almeno sul corpo. La loro permanenza nel reparto di pediatria, dicono i medici, “e’ dovuta solo a una continuita’ di protezione psicologica”.   L’angoscia dei parenti delle vittime Per i parenti delle vittime e di chi ancora manca all’appello l’attesa è ormai insopportabile. “Quelli che sono morti sono stati uccisi – si è sfogato il papà di Stefano Feniello, 28 anni, tra i dispersi – e quelli che ancora non rientrano sono stati sequestrati contro il loro volere perché volevano rientrare. Li hanno sequestrati. Avevano le valigie pronte. Li hanno riuniti tutti vicino al caminetto come carne da macello”. La responsabilità, dice, è “delle autorità”. Feniello ha fatto ascoltare ai cronisti l’ultimo messaggio ricevuto da Stefano. Un vocale su whatsapp. “Ci sentiamo dopo, che andiamo alla spa. E’ pieno di neve. Nevica, però questa Panda è uno spettacolo. Siamo saliti senza catene”. La fidanzata del giovane, Francesca Bronzi, è salva ed è ricoverata a Pescara. “Con la luce del telefonino, finché la batteria ha retto, ho illuminato il braccio di Stefano. Vedevo solo il suo braccio. Si lamentava, lo chiamavo ma non rispondeva. Poi non l’ho sentito più neanche lamentarsi”, ha raccontato. Francesca sapeva che si trattava di Stefano, perché ha riconosciuto l’orologio che gli aveva regalato. (RaiNews) [GARD align=”center”]